Mariposa e l’infinito

da | 28 Mar 2021

Tempo di Lettura: 4 minuti

Nella fiaba che vi presento, dal titolo «Mariposa e l’infinito», scritta nel corso di un laboratorio di evoluzione personale con le tecniche artistiche e narrative del Metodo Autobiografico Creativo, l’autrice, Laura Bruno, ci mostra come anche nel paese più meraviglioso, quando prevalgono egoismo, ambizione, superbia ed egocentrismo, la pace, l’armonia e l’accordo reciproco smettono di regnare e al loro posto subentrano la discordia, l’avidità e l’ostilità reciproca. Come scrive Laura: “Volendo graffiare la luna, e cogliere le stelle…, quegli abitanti persero tutto.

MARIPOSA E L’INFINITO 

Questa è la storia di chi, volendo graffiare la luna, graffia invece il proprio cuore. 

Di chi volendo far cadere le stelle… cade a sua volta.

L’amore, allo stesso modo in cui attraversa con i suoi inganni e i suoi tradimenti la vita dell’uomo, attraversava una sperduta prateria popolata d’insetti, dove, molto tempo fa, la vita era pacifica e serena. Gli insetti erano contenti, preoccupati soltanto di bere in tutta tranquillità le stille di rugiada e di educare i loro figlioli nel rispetto dei loro dei. Si amavano per consuetudine e senza affanni. L’amore passava di padre in figlio come un vecchio, prezioso gioiello ricevuto dal capostipite direttamente dalle mani di Dio. Con la stessa tranquillità e certezza del polline dei fiori che si consegna al vento, essi si godevano l’amore sotto l’erba umida. Ma un giorno… ci fu un insetto che volle andare oltre l’amore.

C’era una volta… un paese meraviglioso in cui tutti gli abitanti vivevano felici e in armonia, popolato soltanto da insetti di vario genere.

Tutte le mattine si svegliavano all’alba con il sorriso del sole e, al tramonto, si ritiravano nelle loro casette per cenare al chiaro di luna e riposare di notte alla luce delle stelle.

Open Day Scuola Intelligenza Emotiva

Open Day online di Art Coaching con Stefano Centonze

Laboratorio di Art Coaching in Intelligenza Emotiva per l'Empowerment con Stefano Centonze, Fondatore del Metodo Autobiografico Creativo®.

Un giorno apparve in questo strano pianeta, popolato appunto solo da insetti, un bel bruco verde di dimensioni, però, un po’ sproporzionate rispetto agli altri della sua stessa specie. Giunse così la voce dell’evento agli abitanti del luogo che, incuriositi, decisero di andarlo a vedere di persona.

Attorno al “grande bruco verde” si vennero a formare lunghe filiere di formiche, sciami d’api e quante altre varietà d’insetti che, giorno e notte, gli ronzavano attorno come elicotterini. Tutte le volte che lo andavano a trovare, attirati come tanti piccoli pellegrini in un santuario, essi si confidavano sussurrandogli le loro speranze e i loro desideri da realizzare. Insomma, il grande bruco era diventato il depositario di tutti i sogni e le speranze dell’intera popolazione d’insetti!

C’era chi voleva una casa più confortevole dove vivere assieme ai suoi compagni, chi invece voleva guarire da una malattia, chi trovare un compagno/a di vita e fare figli, chi aspettava un lavoro ben retribuito.

Il clima di attesa si accresceva di giorno in giorno e tutti si chiedevano come sarebbe diventato… una volta mutato… quel grande essere.

E venne così il giorno in cui il bruco mutò.

Lasciò il suo involucro di larva, per trasformarsi in una meravigliosa farfalla colorata dalle zampette d’oro e le antenne d’argento.

La farfalla appena nata, andò subito a posarsi su di un fiore di girasole gigante, dato che anche lei era molto grande. Il fiore di girasole la ospitò di buon grado, felice d’aver trovato finalmente un’amica, nonostante subisse l’ombra delle sue ampie ali.

Trascorsero appena tre lune e tre albe, quando un mattino si presentò sotto lo stelo di girasole, uno scarafaggio nero nero, lucido e luminoso. Costui, appena vide la farfalla colorata si innamorò immediatamente, pregandola con cortesia, di poter salire su, sul suo giaciglio di Girasole. Lei acconsentì.

Infine, al volgere del sole, anche il fiore si voltò e i due si salutarono con un tenero bacio. Lo scarafaggio chiese allora di poterla incontrare di nuovo e di continuare a frequentarla.

Passò del tempo… e la farfalla cominciò a fidarsi e ad affezionarsi al misterioso compagno scarafaggio, tanto che un bel dì si decise a rivelargli il suo segreto dicendogli: «lo sai che prima che io venissi al mondo… con le ali grandi grandi, quando ero ancora chiusa nel mio bozzolo, tutti gli abitanti che mi facevano visita mi rivelavano le loro speranze, i loro desideri più intimi, affinché io li potessi esaudire?».

Ora chiedimi anche tu qualcosa… un tuo desiderio da realizzare!

Al mio battito d’ali, tutto l’Universo risuona d’un canto meraviglioso, i pensieri, i sogni, i desideri di chiunque si trasmettono da un capo all’altro del mondo e tutto si muove per la realizzazione di essi.

«Avanti…, chiedimi!»

incoraggiò la farfalla. Lo scarafaggio dopo un attimo di esitazione, rispose:

«Voglio che ti tagli le ali. Desidero che il tuo amore sia rivolto soltanto a me e non voglio che tu lo condivida con altri. Voglio essere l’unico insetto vivente su questo pianeta!».

Tecnico del Metodo Autobiografico Creativo - Coach in Intelligenza Emotiva per l'Empowerment

Diventa Coach in Intelligenza Emotiva con la specializzazione di Tecnico del Metodo Autobiografico Creativo

80 ore di formazione in diretta web con il Dott. Stefano Centonze, fondatore del Metodo Autobiografico Creativo, 50 ore di video corso online disponibile h24, 7 giorni su 7, per sempre, da Desktop, Tablet e Smartphone. Acquisisci competenze pratiche da usare IMMEDIATAMENTE. ISCRIVITI SUBITO! CLICCA QUI.

La farfalla, d’impulso e con un gesto repentino, si strappò le ali senza alcuna esitazione. Aveva capito oramai che quella era l’unica cosa da farsi.

Gli abitanti del luogo le avevano mentito, le avevano inviato un “esserino piccolo piccolo”, ma tanto egoista e ambizioso, superbo ed egocentrico. Perciò, non meritavano che le sue ali battessero e che lei volasse ancora per esaudire i loro desideri estremamente ambiziosi e pericolosi.

Da quel giorno… il bel pianeta popolato d’insetti cadde nella discordia e nella disgrazia. Non regnò più la pace, l’armonia e l’accordo reciproco.

Divennero sempre più avidi, ostili l’un l’altro, egoisti e superbi.

Ora non si addormentavano più al chiarore della luna e alla luce delle Stelle.

Nessun desiderio o sogno poetico poteva più essere nemmeno pensato.

Volendo graffiare la luna, e cogliere le stelle…, quegli abitanti persero tutto.

«E… la farfalla? Che fine fece!?»

(Chiesero i bambini… in ascolto).

«Preferisco tornare a brucare nell’umile terra bagnata di rugiada. Non voglio mai usare le mie ali per scatenare tempeste e uragani!»

rispose lei.

La farfalla tornò così bruco, serena di poter invecchiare in pace senza mai dover cedere all’avidità del mondo.

Master Scuola - Intelligenza Emotiva per gli Insegnanti - Scuola di Intelligenza Emotiva per l'Empowerment

Master in Intelligenza Emotiva negli ambienti di apprendimento
Scuola di Intelligenza Emotiva per l'Empowerment

Master in Intelligenza Emotiva negli ambienti di apprendimento, con 50 ore di formazione asincrona online, disponibile h24, 7 giorni su 7, per sempre, da Desktop, Tablet e Smartphone. ISCRIVITI SUBITO! CLICCA QUI.

Se non amerete profondamente la pietra e il verme non entrerete nel regno dei Cieli.

«Ben presto verrà il regno degli animali e delle piante; l’uomo si dimentica del suo Creatore, mentre l’animale e la pianta si trovano assai vicini alla sua luce; di’, o poeta, agli uomini che l’amore nasce con uguale intensità a tutti i livelli di vita; che il medesimo ritmo della foglia mossa dal vento lo ha la stella lontana e che le stesse parole della fronte nell’oscurità le ripete sul medesimo tono il mare; di’ all’uomo di essere umile, perché tutto è uguale nella Natura!»

Garcia Lorca

Clicca qui e

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CHIAMA SUBITO IL 0832601223 O IL 3887224281

Dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00.
Referente progetto: Dott.ssa Ilenia Spedicato

CHIAMA SUBITO IL 0832601223 O IL 3887224281

Dal lunedì al venerdì,
dalle 9:00 alle 17:00.
Referente progetto:
Dott.ssa Ilenia Spedicato

Compila questo modulo con i tuoi dati ed indica un orario in cui preferisci essere ricontattato.

I nostri operatori sono a tua disposizione per fornirti tutte le informazioni necessarie.

    Orario preferito per essere contattati telefonicamente

    09:00 - 10:0010:00 - 11:0011:00 - 12:0012:00 - 13:0013:00 - 14:0014:00 - 15:0015:00 - 16:0016:00 - 17:00

    Ho preso visione e accetto l'Informativa sulla Privacy