Scuola di Intelligenza Emotiva per l’Empowerment

– Art Coaching Smart Schoool –

Crescita Personale con le tecniche artistiche e narrative del
Metodo Autobiografico Creativo® per l’ Intelligenza Emotiva

Il Metodo Autobiografico Creativo® per l’Intelligenza Emotiva è un approccio alla crescita personale attraverso la pratica sistematica della creatività e delle tecniche artistiche e narrative.

La Scuola di Intelligenza Emotiva per l’Empowerment con il Metodo Autobiografico Creativo® si basa sul gioco della narrazione con i mezzi artistici per sviluppare le risorse personali e il potenziale inespresso.

La formazione della Scuola di Intelligenza Emotiva per l’Empowerment – Art Coaching Smart School con le tecniche artistiche e narrative del Metodo Autobiografico Creativo®, al termine di ogni percorso, rilascia il titolo di Coach in Intelligenza Emotiva per l’Empowerment con specializzazione secondo il livello di expertise prescelto.

Tutte le attività formative si svolgono online in modalità mista, tra formazione

Smart Learning

Laboratori di Art Coaching
in diretta streaming

ONLINE

Studio di materiali didattici su
piattaforma e-learning

IN PRESENZA

Approfondimenti in Masterclass e
intensivi residenziali facoltativi

Nella metafora dell’albero che racconta il progetto, le competenze sviluppate nel percorso sono le radici che affondano nel terreno (il contesto) e che, potenziate dal Metodo Autobiografico Creativo® (il tronco), producono i mille frutti della crescita personale.

Metodo Autobiografico Creativo

ore

24 mesi

20 Smart Lab

320 ore

Formazione Online

300 ore

Stesura e discussione Tesi ed elaborati multimediali conclusivi

80 ore

ore

24 mesi

20 Smart Lab

300 ore

Formazione Online

300 ore

Stesura e discussione Tesi ed elaborati multimediali conclusivi

80 ore

Clicca qui e

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

CHIAMA SUBITO IL 3496449459

Dal lunedì al venerdì,
dalle 9:00 alle 17:00.
Referente progetto:
Dott.ssa Laura Rosato

Compila questo modulo con i tuoi dati ed indica un orario in cui preferisci essere ricontattato.

I nostri operatori sono a tua disposizione per fornirti tutte le informazioni necessarie.

    Orario preferito per essere contattati telefonicamente

    09:00 - 10:0010:00 - 11:0011:00 - 12:0012:00 - 13:0013:00 - 14:0014:00 - 15:0015:00 - 16:0016:00 - 17:00

    Ho preso visione e accetto l'Informativa sulla Privacy

    Stefano Centonze, Laurea in Scienze della Formazione, Formatore, Editore, Autore, Arti Terapeuta specializzato in Musicoterapia, esperto nella conduzione dei gruppi, ideatore del Metodo Autobiografico Creativo per l’Intelligenza Emotiva, Fondatore del Network Artedo tra Scuole di Arti Terapie in Italia, Fondatore e Direttore della Scuola di Intelligenza Emotiva per l’Empowerment – Art Coaching Smart School.

    Formatore

    Dr. Stefano Centonze

    Fondatore del
    Metodo Autobiografico Creativo®

    Formatore

    Dr. Stefano Centonze

    Fondatore del
    Metodo Autobiografico Creativo®

    Stefano Centonze, Laurea in Scienze della Formazione, Formatore, Editore, Autore, Arti Terapeuta specializzato in Musicoterapia, esperto nella conduzione dei gruppi, ideatore del Metodo Autobiografico Creativo per l’Intelligenza Emotiva, Fondatore del Network Artedo tra Scuole di Arti Terapie in Italia, Fondatore e Direttore della Art Coaching Smart School – Scuola di Intelligenza Emotiva per l’Empowerment.

    Articoli dal Blog

    La guerra delle due palle

    Nella fiaba che vi presento, dal titolo «La guerra delle due palle», scritta nel corso di un laboratorio di evoluzione personale con le tecniche artistiche e narrative del Metodo Autobiografico Creativo, l’autrice, Angelica Chiarella, ci mostra come, spesso, nelle relazioni conflittuali può bastare la semplice intermediazione di un soggetto terzo, che fissa alcune regole basilari e aiuta gli altri a trovare il loro spazio nel mondo, per favorire la convivenza pacifica e scongiurare i danni irreparabili che le esplosioni di rabbia procurano.

    Ecco la Proposta di Legge che introduce l’Intelligenza Emotiva nella scuola italiana

    Con la Proposta di Legge n. 2782 del 13 Novembre 2020, “Disposizioni in materia di insegnamento sperimentale dell’educazione all’intelligenza emotiva nelle scuole di ogni ordine e grado”, a cui ho avuto l’onore di collaborare, si gettano concretamente le basi per costruire la #scuola del futuro.
    Nell’articolo le premesse, integralmente tratte dal dispositivo, che motivano l’urgenza di introdurre l’intelligenza emotiva tra le metodologie d’#insegnamento nella scuola italiana.

    Il Mago e Orcus

    Nella fiaba che vi presento, dal titolo «Il Mago e Orcus», scritta nel corso di un laboratorio di evoluzione personale con le tecniche artistiche e narrative del Metodo Autobiografico Creativo, l’autrice, Silvia Gentile, ci mostra come spesso viviamo dell’illusione che la nostra vita si svolga lungo le vie illuminate della nostra esistenza. Ma siamo fatti di luce e di ombra ed è proprio quando riconosciamo e accettiamo la nostra parte più nascosta e buia che inizia quello che Jung chiama “Processo di Individuazione”, il percorso di evoluzione personale che porta all’integrazione dell’ombra e al suo definitivo riassorbimento.

    I buoni voti a scuola sono garanzia di successo nella vita?

    Howard Gardner afferma che la scuola prepara a sviluppare l’intelligenza linguistica e quella logico matematica. Il che va bene finché uno resta a scuola o fa della scuola la sua vita, la sua carriera. Ma fuori servono altre forme di intelligenza che hanno bisogno di sostegno e che valgono almeno quanto le prime, come dimostrano i campioni osservati da adulti, in relazione al successo nella vita professionale. Diverse intelligenze per diversi talenti, dunque. tutti importanti per lo sviluppo armonico della personalità.

    La borsetta

    Nella fiaba che vi presento, dal titolo «La borsetta», scritta nel corso di un laboratorio di evoluzione personale con le tecniche artistiche e narrative del Metodo Autobiografico Creativo, l’autrice, Veronica Carlesi, ci mostra come spesso assecondare i desideri e le aspettattive degli altri ci possa condizionare a tal punto da non riconoscere più noi stessi. Quando, però, grazie anche all’aiuto altrui, impariamo ad accettare e apprezzare le nostre fragilità e imperfezioni, può capitare di riscoprirci più unici e preziosi di prima, proprio come accade con l’arte giapponese del kintsugi.